Malassorbimento

Spesso molte malattie e le loro conseguenze possono causare un non-corretto assorbimento del cibo, chiamato appunto malassorbimento. Il meccanismo può essere rappresentato da un’ alterazione diretta dell’assorbimento stesso o da alcuni disturbi della digestione che causano l’ alterato assorbimento. Il malassorbimento può riguardare un numero considerevole di sostanze nutritive o specifici carboidrati, grassi o micronutrienti.

Le cause

il Malassorbimento può essere causato da malattie quali infiammazione ed infezioni del pancreas, fibrosi cistica, morbo di Zollinger-Ellison ecc. Altre volte le cause di malassorbimento hanno dei quadri clinici ben specifici: la dermatite erpetiforme si associa spesso a un’ enteropatia simil-celiaca di grado lieve; la cirrosi biliare e il cancro del pancreas causano l’ittero; l’ischemia mesenterica causa l’angina abdominis.

I Sintomi

Il malassorbimento causa perdita di peso, glossite, spasmi carpopodalici, assenza di riflessi tendinei, ecchimosi cutanee, flatulenza, distensione addominale, meteorismo e senso di fastidio legato all’ aumento della massa intestinale e alla produzione di gas. I sintomi di un deficit di lattasi includono una diarrea esplosiva con meteorismo addominale e presenza di gas dopo l’ingestione di latte. Il deficit di lipasi pancreatiche si manifesta con delle feci grasse, contenenti i grassi, indigeriti, assunti con la dieta (trigliceridi). A volte si ha steatorrea, con feci chiare, soffici, pastose e maleodoranti che aderiscono ai lati del vater o che galleggiano e sono mandate via con difficoltà. La steatorrea si verifica più frequentemente nella malattia celiaca o nella sprue tropicale; ma può essere presente anche in caso di feci che sembrano relativamente normali.

Link: Colonscopia

Video di una Gastroscopia Transnasale (Eseguita dal Dr. Mangiarotti)

Clicca QUI per prenotare un esame o richiedere maggiori informazioni