Prenota

Chat

Presenti in tutta italia. Alti standard qualitativi

Seleziona il centro più vicino a te

Gastroscopia Transnasale

La Gastroscopia transnasale è una metodica Mininvasiva, Indolore, alternativa e sovrapponibile all’esame tradizionale, che risulta essere particolarmente meno fastidiosa e quindi molto meglio tollerabile dal paziente. La Gastroscopia Transnasale è totalmente paritetica alla tecnica tradizionale, fornendo quindi le medesime performance diagnostiche e chirurgiche, anche per quanto riguarda le procedure operative quali esecuzione di biospie o rimozioni di polipi.

Cos’è quindi la Gastroscopia Transnasale? Come viene effettuata? Quali sono i vantaggi della Gastroscopia Transnasale rispetto alla Gastroscopia Tradizionale? Cerchiamo ora di rispondere a queste domande.

Cos’è la Gastroscopia Transnasale

La Gastroscopia è un esame endoscopico che permette di osservare il tratto superiore dell’apparato digestivo. Lo strumento usato effettuare questo esame si chiama “endoscopio”. La gastroscopia viene eseguita da un medico specialista, capace di usare l’endoscopio per individuare i problemi del tratto superiore dell’apparato digerente. Per ulteriori approfondimenti: La Gastroscopia, esecuzione e finalità.

La gastroscopia tradizionale viene eseguita introducendo una sonda del diametro di oltre 14mm attraverso la bocca. Le caratteristiche tecniche dell’endoscopio utilizzato per la gastroscopia transnasale invece, che negli ultimi modelli è arrivato ad avere un diametro medio di poco più di 4 mm, consentono l’introduzione dello stesso attraverso una narice lasciando quindi libera la bocca ed evitando tutte le problematiche presenti nell’esame tradizionale quali:  senso di soffocamento, conati di vomito o senso di costrizione (Vedi: “I vantaggi della Gastroscopia Transnasale”). Il Paziente nel corso della Gastroscopia Transnasale riesce liberamente a parlare e deglutire contribuendo quindi a mantenere uno stato emotivo controllato e privo di particolare ansia o tensione.

La Gastroscopia Transnasale è un esame paritetico rispetto all’esame tradizionale poiché risulta scientificamente riscontrato che l’affidabilità diagnostica ed operativa di questa tecnica mininvasiva sia sovrapponibile alla metodica classica. In alcuni casi specifici e per via delle ridotte dimensioni dello strumento endoscopico, tramite la Gastroscopia transnasale si riesce addirittura ad esplorare parti difficilmente visibili con il metodo tradizionale.

Come viene effettuata la Gastroscopia Transnasale?

La Gastroscopia transnasale viene effettuata dopo un periodo di digiuno di circa 5 ore durante le quali si può tuttavia bere modica quantità di acqua (vedi l’articolo di approfondimento). Dopo aver soffiato il naso e spruzzato nelle narici un eventuale decongestionante (Rinazina), si procede alla scelta della narice più idonea all’indagine. La presenza di una deviazione del setto nasale non controindica l’esame, ma anzi spesso lo facilita. Tutta la strumentazione usata viene opportunamente sterilizzata prima di ogni esame.

I vantaggi della Transnasale

Durante l’esplorazione endoscopica, della durata di circa 3 minuti, il paziente può colloquiare con il medico e respirare liberamente dalla bocca. La ridotta tensione emotiva e la breve durata dell’indagine endoscopica rende inoltre superflua una eventuale sedazione, migliorando il profilo di sicurezza. Nel corso della Gastroscopia si può procedere, in modo assolutamente indolore, al prelievo di uno o più frammenti di mucosa gastrica che consentono di evidenziare l’eventuale presenza dell’Helicobacter pylori (batterio responsabile di molte patologie gastriche) o di altre patologie.

Gastroscopia TransNasale

Gastroscopio ultrasottile per eseguire la Gastroscopia Transnasale

Non dovendo assumere sedativi, subito dopo l’esame il paziente può riprendere le normali attività quotidiane. La Gastroscopia Transnasale inoltre consente di eseguire agevolmente l’esplorazione endoscopica anche i pazienti con problematiche cliniche che potrebbero controindicare l’esame (ad es. pazienti molto anziani, cardiopatici, bronchitici cronici ecc.). In una ridotta percentuale di casi (circa il 5%) la particolare conformazione del naso potrebbe rendere fastidioso o impossibile il passaggio dell’endoscopio attraverso le narici e pertanto in tal caso si ricorre alla via tradizionale (tramite la bocca). In rari casi può essere presente una fugace e modesta epistassi.

Video della Gastroscopia Transnasale

Ecco il video di presentazione

Clicca QUI per prenotare un esame o richiedere maggiori informazioni

Le più recenti segnalazioni, domande e dubbi dai pazienti

Consulto del 14/02/2018 – Utente: anonimo

Domanda

Buongiorno, ho prenotato una gastroscopia "con sedazione". Ora leggo nel vostro sito la dicitura "gastroscopia in anestesia", ma è la stessa cosa?

Risposta del Medico

Buongiorno. Sedazione ed anestesia nella gastroscopia sono chiaramente dei sinonimi. In linea generale comunque, si tende ad avvicinare il termine anestesia con la sedazione profonda (e non alla sedazione cosciente, più blanda della prima). Chieda comunque presso il centro in cui ha prenotato l'esame maggiori delucidazioni sulla sua prenotazione in modo che potranno darle indicazioni definitive. Cordiali Saluti.


Consulto del 19/01/2018 – Utente: anonimo

Domanda

salve.ho eseguito gastrocopia novembre 2017.mi è stato riscontrato esofago di BARRET..ASSUMO gastroprotettore e bustine di Riopan...Bere un bicchiere di vino ai pasti è dannoso.premetto che non bevo altri alcoolici.Se la prossima volta prenoto la transnasale otterrò i stessi risultati diagnostici? Grazie se vorrà rispondere

Risposta del Medico

Buongiorno, certamente avrà gli stessi risultati sia operativi sia diagnostici. La transnasale è inoltre meno fastidiosa. Cordiali Saluti.


Consulto del 05/12/2017 – Utente: anonimo

Domanda

Salve dottore sono una ragazza di 27 anni le premetto che sono ansiosa e ipocondriaca' sono andata dal medico e mi ha detto che ho una gastrite ma oltre che i bruciori ora avverto una specie di eruttazione e ho la lingua bianca al centro e la bocca amara si può trattare di reflusso gastroesofageo? La ringrazio anticipatamente

Risposta del Medico

Gentile paziente, grazie per l'interessamento. Sicuramente non è da escludere la presenta di reflusso in considerazione delle sintomatologie da lei indicate. Sicuramente una visita specialistica potrà accertare o smentire questa evenienza. Cordiali Saluti.


Consulto del 07/11/2017 – Utente: anonimo

Domanda

Buongiorno. Ho da circa una settimana una forte influenza. Mi è stato indicato di effettuare una gastroscopia già da circa un mese e domani ho l'appuntamento. Potrei comunque eseguirla anche con l'influenza? Grazie.

Risposta del Medico

Buongiorno. A meno che non sia strettamente necessario è sconsigliabile sottoporsi alla gastroscopia con stato influenzale. Dunque, se lei è nelle condizioni di poter attendere, previo consulto con il suo medico o con lo specialista che la sta seguendo, sarebbe opportuno rinviare. Auguri.


Consulto del 10/10/2017 – Utente: anonimo

Domanda

Buongiorno, volevo chiedere: ma la preparazione è uguale alla stessa per la gastroscopia tradizionale. Complimenti per il metodo non invasivo

Risposta del Medico

Buongiorno. SI la procedura è sostanzialmente la stessa. E' semplicemente necessario un digiuno preventivo di alcune ore prima dell'esame e della sospensione di eventuali farmaci antiacido. Naturalmente dettagli più specifici le verranno forniti in sede di prenotazione. Cordiali Saluti.


Ultimi aggiornamenti

Standard qualitativi dei centri

+ Info

Chiedici un consulto gratuito

+ Info

Informati

+ Info

I Nostri Centri in Italia

Per prenotazioni esami o visite presso uno dei centri o per richiedere maggiori informazioni, contatta la Segreteria Unica al numero 08.631.950.021 dal lunedì al sabato dalle ore 9:00 alle ore 18:00.