NAUSEA IN GRAVIDANZA: 10 CONSIGLI PER SCONFIGGERLA

Nausea in Gravidanza

Nausea in Gravidanza

Dal test di gravidanza positivo ogni donna si rende conto che la sua vita, insieme al suo corpo, cambierà. Il corpo sarà, per tutti i nove mesi di gestazione, sottoposto a grandi mutamenti: la pancia che diventerà mese dopo mese sempre più grande e quindi potrebbe essere fonte di fastidio per la donna, ma anche altri fastidi possono interessare la donna durante l’attesa del suo bebè; primo fra tutti, probabilmente il più comune, è la nausea gravidica.

Vediamo cosa è e come cercare di tenerla a bada.

Cosa è la nausea?

La nausea è un malessere che si manifesta con una sensazione di disgusto.

Essa ha una sintomatologia varia che comprende ed accompagna:

  • mal di testa
  • vertigini
  • sbandamenti
  • repulsione per il cibo
  • disgusto
  • contrazioni involontarie delle pareti dello stomaco
  • malessere generale

La nausea di per sé non è una condizione patologica, quanto piuttosto un sintomo di malessere organico o di una condizione fisiologica, come appunto la gravidanza.

Nausea in gravidanza: quando e come si manifesta

Non è affatto raro scoprire della gravidanza attraverso la nausea mattutina: molte donne infatti sperimentano i fastidiosi sintomi ancor prima di effettuare il test di gravidanza. Entro le 9 settimane di gestazione e fino ai quattro mesi, la stragrande maggioranza delle donne incinta soffre di nausea: solo una donna su quattro non ne viene colpita.

L’ipotesi più accreditata circa le cause della nausea gravidica riguardano, nei primi tre mesi, il forte aumento repentino di alcuni ormoni tipici del primo trimestre di gravidanza, in particolar modo gli estrogeni, il progesterone e la beta hCG, vale a dire la gonadotropina corionica.

Vi è anche un’altra ipotesi che si fa largo tra le altre: il primo trimestre di gravidanza è senza dubbio il più delicato per lo sviluppo fetale e la nausea potrebbe esser vista come un meccanismo di difesa messo in atto autonomamente dal corpo per tenere la donna, e quindi il suo bambino, lontana da cibi potenzialmente pericolosi.

Nell’ultimo mese di gestazione, dopo qualche periodo di tregua, ecco che potrebbe fare di nuovo capolino la nausea: questo sembra dovuto principalmente alle dimensioni del feto, che essendo ovviamente cresciuto, ha fatto si di aumentare le dimensioni del ventre materno, comprimendo vari organi della mamma, la quale quindi potrebbe soffrire di digestione lenta e di disturbi collegabili alla nausea.

Certo è, e chiediamo conferma alle donne incinte che leggeranno questo articolo, che la nausea è senza ombra di dubbio un fastidio con il quale convivere risulta complesso.

Vi sono delle strategie da attuare per tentare di alleviarlo?La risposta è sì!

Vediamo di seguito 10 consigli per attenuare il fastidio della nausea in gravidanza:

 

  1. Al primo posto: cambiare le abitudini alimentari! Mangiare poco e spesso, fornendo così all’organismo energia ogni due ore circa tramite cibi preferibilmente secchi e salati (ad esempio cracker), evitando quando possibile di bere mentre si pasteggia
  2. Bere acqua gassata. Sembrerà strano ma l’organismo sembra la tolleri meglio dell’acqua naturale
  3. Evitare cibi acidi come caffè, the, cibi troppo speziati e cibi grassi
  4. Banditi fumo e alcol! Oltre che per la nausea anche e soprattutto perché sono dannosi per il feto
  5. Masticare lentamente e a lungo per facilitare la digestione
  6. I pasti caldi emanano odori più forti rispetto a quelli freddi, è consigliato quindi prediligere pasti non troppo bollenti
  7. Mai un digiuno per più di 3 ore: la mattina appena sveglia quindi, dopo una notte di digiuno, è consigliato subito mangiare un cibo secco (esempio fette biscottate)
  8. Zenzero: se non si conoscono le proprietà dobbiamo impararle! Utile per contrastare la nausea e non solo
  9. Evitare abiti molto stretti sul punto vita
  10. Riposare. Riposare. In caso di stanchezza, infatti, i sintomi associati alla nausea potrebbero aumentare